Skip navigation

  
Quando torno da Osaka mi rimetto a dieta, dopo la golden week, a maggio, devo fare il nuovo set fotografico con Asako e voglio stare bene. Useremo le foto per la nuova versione del sito e forse anche per la copertina del nuovo CD, anche se il CD uscirà a febbraio e abbiamo ancora tempo per pensarci. Andremo da Alex, un fotografo brasiliano. È il marito di Paula, la truccatrice dei miei spettacoli. L’unica ad aver trasformato Asako da orchestrale in femmina che suona il contrabbasso.
Di tutte le diete che ho fatto, questa è la migliore. Faccio impallidire anche i vegani. Praticamente non mangio. Non mangio niente. Zero. Solo acqua, tea, caffè. Bibite a zero calorie. Latte di soia fresco. Neanche la frutta.
Poi due volte al giorno prendo un composto a base di erbe e vegetali che integra completamente tutto quel di cui l’organismo necessita.

  Non è una dieta. È un delirio. Un evoluzione del pensiero. Dopo quattro giorni controlli completamente il tuo corpo. Perché mangiare è innanzitutto un fatto di testa, che segna delle abitudini radicate sin dalla nascita. Gli orari per mangiare. Il pranzo e la cena, momenti precisi della giornata, in cui la testa prende un break perché solo per un attimo devi pensare a “cosa” mangiare. A soddisfare un’esigenza primitiva.
Quando alla testa sottrai quest’esigenza ti si fulmina il cervello. Poi diventa normale. E stai bene. Senti che il corpo risponde diversamente a tutto. Sei padrone del tuo corpo e soprattutto della tua mente.

Io sono uno di quelli che rientra nella categoria dei sempreaddieta.
A volte cerco di capire qual’e’ stato il momento di non ritorno. Perché c’è sempre un momento.

I panini alla Nutella con Arturo? Le pizzette di via Roma con Mimmo? I coni di patate fritte con Iolanda? I gelati con Titta? Le pizze con Paola? I rostitour con Dino? Le mozzarelle Aversa-Bologna con Mario?

Perché c’è sempre un elemento scatenante, a cui segue una dieta drastica.

  Diete fatte nella mia vita.
Della prima abbiamo già parlato nel capitolo due, cambio drastico da panino alla Nutella a panino e formaggino.
La seconda, al liceo. Avevo conosciuto un medico dietologo, non mi ricordo il nome, che seguiva la pallavolo. Andai da lui per una seduta di prova. Dopo la prova mi disse il prezzo. Lo dissi a mia mamma la quale rispose “ghe pensi mi… E sparagnammo ‘na’ cosa ‘e sorde”. A sogliole e merluzzi scaldati tirai giù una decina di kg.
All’università non ho fatto diete particolari. Ogni tanto qua e là. Dieta punti, dieta a zone, dieta questo, dieta quello. Ma niente di serio. Queste diete qui non funzionano. Non hanno mai fatto dimagrire nessuno e quelli che lo dicono alla TV sono pagati per dirlo. Anche quelli di herbalife.
  
Quando facevo il promotore finanziario arrivai al mio massimo, 124 kg. Un lottatore di sumo, praticamente.Fase uno, dottore De Chiara. Quello che ti illude facendoti mangiare come un vitello e poi ti mette a pane e acqua.

Fase due, ciclo di massaggi con stimolazione elettrica agli infrarossi in un centro estetico a Napoli.

Non ho capito cosa fosse, ma dopo cinque mesi ero tornato a due cifre.

Che non ho ripreso molto velocemente, ma poi ci fu la causa scatenante degli autogrill quando lavorai come selezionatore per banca fineco. Così ritornai alla fase uno, con il buon dottore De Chiara mi riportò a due cifre.
In Giappone la causa scatenante è stato secondo me il lavoro da ufficio per sei anni a CentroItalia, abbinato al cibo da “Combini”. Poi forse anche un po’ i miei anni, il metabolismo secondo me è rallentato.
Fin quando una sera non parlai di queste mie preoccupazioni con Marco, che di mestiere fa il cuoco. Ma il cuoco serio.

  E Marco mi suggerì questa “evoluzione del pensiero”, come la chiamo io ora. Ma dopo quattro mesi ero ancora li, non mangiare niente era impossibile per la mia piccola mente. Poi Marco fa un’azione di forza, mi regala il prodotto. 16 kg in un mese e perfettamente in forma. Corpo, anima e pisello.
Poi purtroppo il mio mestiere è un po’ particolare. Da settembre in poi è altissima stagione, sempre in viaggio, mangi fuori, bevi molto. Qualcosina l’ho ripreso. Ma ad aprile sarò a Nagoya per tutto il mese e avrò tutta la calma per affrontare il mio viaggio interiore.
Oggi faccio un concerto a Umeda, Osaka. Domani pranzo e cena di lavoro. Poi si comincia.

Che la forza sia con me. E con il mio spirito.
#dieta #perdopeso #vegani #dietapunti #dietazona #fitness #informa #curadimagrante #centriestetici #settechiliinsettegiorni

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: